Ciao Monné

“Ciao Monné”, questo il titolo della poesia, scritta da Riccardo Sanna la notte del 23 marzo 2017, che verrà premiata il prossimo 9 marzo in Campidoglio.
Riccardo, al quale vanno i nostri auguri per il premio, ci chiede di pubblicarla in anteprima per tutti i fan del nostro caro Tomas.

Er monno fatto a strati de monnezza
Ce lassa n’antro pezzo de tristezza

Laggiù ne li ricordi in fonno ar còre
Ner viaggio de ‘n pischello e de n’attore
Me concia pe’ le feste ‘sto dolore.

Che n’antra bòtta ar grugno ‘n ce voleva
Vabbè, dicasi morte quanno chiama

‘Na specie de notizzia a cui nun crede
perché li miti so’ come la fede.

Io ce so’ nato in mezzo a li casini,
ner tempo ch’azzannava Pasolini

‘Na guera senza sosta né confine
Co’ spari a sfonnà puro el lieto fine

Ma poi s’annava ar cine pe’ rifasse
De la paura che mieteva masse

Bastava ‘n vaffa pe’ sentisse grandi,
pe’ ripijà coraggio a strigne i denti

Uscivi forte che t’arinsavivi,
cor petto ‘n fòri er buio nisconnevi
da’a strizza sparpajata dar terrore,
tornavi a casa vivo come ‘n fiore

Caro Monné, te sfiori ‘sta carezza,
‘na mano fijja e madre de fierezza

E si ‘sta Roma ‘ngorda nun te scorda,
sarà perché n’è poi così balorda…

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.