Monnezza Amore Mio in libreria dall’8 ottobre

Monnezza amore mio

Dall’ 8 ottobre in libreriaMONNEZZA AMORE MIO

di TOMAS MILIAN

con Manlio Gomarasca

L’infanzia a Cuba, il suicidio del padre e
poi il 
successo in Italia con Monnezza,
il beniamino del 
cinema poliziesco anni 70.
Una vita di sogni e 
ferite
L’autoritratto spietato di un’icona del cinema

Collana saggistica. pp. 288. Euro 18,50.

Roma è una strana città. È eccessiva, ma generosa, accoglie il nuovo arrivato, ma non gli chiede eterna fedeltà. Non le interessa che i «forestieri» sposino le sue antiche tradizioni, e loro raramente ne assorbono i vezzi, il dialetto, lo spirito: il più delle volte, a Roma il siciliano resta siciliano, il napoletano napoletano e – soprattutto – il milanese milanese. Eppure il Monnezza, personaggio simbolo della romanità al cinema, l’ha inventato un cubano scappato da L’Avana, passato per l’Actors Studio di New York (dove si esercitava al fianco di Marilyn Monroe e Marlon Brando) e sbarcato in Italia quasi per caso. Tomas Milian non ha bisogno di presentazioni: oltre cinquant’anni di carriera cinematografica, un’impressionante capacità di reinventarsi in ruoli sempre diversi, una lunga serie di successi al botteghino e una vasta schiera di appassionati che intorno a lui ha creato un vero e proprio fenomeno di culto. Ma se del Monnezza si sa tutto (o quasi), dell’uomo dietro alla maschera si sa ben poco. In queste pagine Milian racconta per la prima volta la sua infanzia cubana, il trauma di un bambino che assiste al suicidio del padre, la giovinezza da playboy nella Cuba bene, la scoperta del cinema, la fuga negli Usa, la difficile vita da «uomo da marciapiede» a New York, l’arrivo in Italia e tutto quell’incontrollabile flusso di eventi che ha portato un giovane attore senza radici a lasciar perdere il suo sogno.

RIZZOLI

 

L’autobiografia di Milian a ottobre in libreria

Monnezza Amore Mio

Si intitola “Monnezza Amore Mio” l’autobiografia di Tomas Milian curata, dopo 15 anni di colloqui e interviste con l’attore cubano, da Manlio Gomarasca (capo redattore di Nocturno) che verrà pubblicata a metà ottobre da Rizzoli.Tomas ripercorre i drammatici momenti della sua infanzia a L’Avana, i primi passi nel teatro e nella tv americana, l’Actors’ Studio di New York, la convocazione a Spoleto, i 25 di carriera italiana, il ritorno in America. E poi gli amici, i colleghi, gli eccessi, gli amori, i vizi, i premi, i difetti e i pregi. E un personaggio immortale: er Monnezza. Da non perdere. Ovviamente news e anticipazioni solo su questo sito e sulla nostra pagina Facebook.

 

 

E’ morto Eli Wallach

Si è spento a 98 anni l’attore americano Eli Wallach famoso per il ruolo di Tuco in “Il buono, il brutto e il cattivo” di Sergio Leone del 1966. La notizia è stata data dalla figlia Katherine. Nel 2010 l’attore ha ricevuto un Oscar alla carriera pur non avendo mai ricevuto una nomination. Sul palco, commosso, aveva dichiarato ironicamente: “Ho interpretato un intero campionario di banditi, ladri, signori della guerra e molestatori”.

Sposato dal 1948 con la collega Anne Jackson ha avuto tre figli. Wallach era nato a a New York il 7 dicembre 1915 e si era laureato all’Università del Texas ma il pallino per il cinema lo aveva portato ad iscriversi al leggendario Actors’ Studio di Lee Strasberg. Nel 1945 aveva debuttato a Broadway. Il debutto al cinema risale al 1956 con il primo di una lunga serie di ruoli da cattivo in “Baby Doll – La bambola viva” di Elia Kazan. Poi di seguito altri film famosi come “I magnifici sette” (1960), “La conquista del West” (1962), “Gli spostati” (1961) in cui ha recitato con Marilyn Monroe, “Come rubare un milione di dollari e vivere felice” (1966) fino al successo di “Il buono, il brutto e il cattivo” in cui interpretava un bandito senza scrupoli e sbruffone con due denti d’oro.

Con Tomas Milian girò nel 1974 il western comico “Il Bianco il Giallo il Nero” di Sergio Corbucci nel ruolo di Black Jack, 4 anni più tardi “Squadra Antimafia” in cui impersonava il padre della terribile Maria Sole (l’indimenticata Margherita Fumero), ovvero il boss di Cosa Nostra don Gerolamo Giarra e nel 1980 il fantapolitico “The Winter Kills” [Rebus per un assassinio].

bianco giallo

Ristampato il libro “Er Cubbano de Roma”

 

.cover Er cubbano de Roma

Da oggi 2 aprile, è disponibile a 9,90 per corrispondenza e in pochi punti vendita (e dal 16 anche in e-book) la ristampa – aggiornata ed ampliata – del libro “Tomas Milian, er Cubbano de Roma”. Tiratura limitata. Prefazione di Massimo Vanni. Curiosità biografiche, critiche, schede dei film e teatro… Chi fosse interessato all’acquisto o ad avere ulteriori informazioni, può compilare il modulo su “Contatti” o scriverci in privato su Facebook.

Tomas Milian: Acting On Instinct

“Acting on Instinct” è il titolo di un video-documento dedicato a Tomas Milian contenuto nell’edizione “combo” americana della Blue Underground del film LA RESA DEI CONTI (The Big Gundown) in blu ray uscita poco prima dello scorso Natale. Diretto da Ozzy Inguanzo, il video dura mezzora e ripercorre la carriera dell’attore. Disponibile nei negozi on-line internazionali ad un prezzo medio di circa 30 dollari. Noi prossimamente inseriremo questo video, sottotitolato in italiano, nella sezione di questo sito.

The big gundown